ITA | ENG | POR  
Celina Pereira: “Non sono masochista ma per Capo Verde sono masochista” - 25 maggio 2012

Con questa affermazione Celina Pereira evidenzia la sua riconciliazione con il paese che l’ha vista nascere, ma che non l’ha appoggiata all’inizio della carriera.

Questa dichiarazione è stata fatta durante la presentazione dell’audio libro della cantante “Estoria, Estoria... do tambor a Blimundo”

Con il suo libro, Celina Pereira recupera diverse storie e filastrocche della tradizione capoverdiana, andando a scovare e scavare nella sua infanzia, i giochi e le filastrocche che, secondo Vera Duarte, una delle presentatrici di questo áudio libro, sono trattati in questa nuova pubblicazione.

L’altro presentatore del libro, César Monteiro, amico di Celina pereira dal 2005, ha presentato invece la biografia della cantante, mercoledì 23 maggio.

Dopo queste presentazioni Celina pereira era visibilmente emozionata: “guarda in alto, manda giù le lacrime e smetti di piangere” ha detto ha sè stessa.

Durante questa presentazione gli invitati hanno potuto ascoltare una canzone suonata da Quim Alves e cantata da Celina Pereira.

Al termine, la figlia di Boa Vista ha risposto ad alcune domande della “asemanaonline”

-Com’è iniziata questa avventura di recuperare le vecchie filastrocche e storie popolari capoverdiane?

E’ stata effettivamente una vera avventura. Sentivo che dovevo recuperare la mia memoria personale e tutto quello che la colonizzazione non mi ha insegnato.

-Durante le sue ricerche avrà scoperto molte cose curiose su Capo Verde. Cosa ci vuol ricordare?

Credo che questo sia molto difficile. Ho trovato così tante cose!

Incontro una decodifica delle parole contenute in alcuni scherzi o alcuni giochi che abbiamo fatto e che i ragazzi sono tornati a fare da qualche tempo...

Marline Pereira

(Fonte: A semana, 25/05/2012)